Le tessere elettorali bilingui devono essere disponibili in tutti i comuni della legge 38/2001

 

 

 

Il presidente dello SSO – Confederazione Organizzazioni Slovene Walter Bandelj ha richiesto venerdì 2 marzo presso l’ufficio competente del comune di Cividale del Friuli la tessere elettorale bilingue, ma con amara sorpresa ha potuto verificare che tale documento non era disponibile. Ha poi esposto al personale dell’ufficio che una tale mancanza non è accettabile considerato il fatto che il comune di Cividale del Friuli si trova nell’ambito di applicazione della legge di tutela per la minoranza linguistica slovena del FVG. Infine ha presentato una formale di richiesta di emissione della tessera elettorale bilingue.

Il pronto impegno da parte del personale comunale e la collaborazione del prefetto di Udine dr. Vittorio Zappalorto hanno fatto sì che la disponibilità delle tessere elettorali bilingui è stata garantita da domenica mattina e durante tutto l’orario d’apertura dell’ufficio elettorale presso il Comune di Cividale del Friuli.

Il Presidente dello SSO-Confederazione Organizzazioni Slovene Walter Bandelj ha espresso gratitudine e soddisfazione per la pronta risposta. Inoltre, ha inviato una nota scritta agli organi preposti con la richiesta di verificare la disponibilità delle tessere elettorali bilingui in tutti i comuni che rientrano nell’ambito di applicazione della legge di tutela 38/2001. Si tratta di 32 comuni delle ex province di Gorizia, Trieste e Udine.