Skupna spomenica za predsednico Serracchianijevo

PROMEMORIA per l’incontro tra la presidente della RA FVG Debora Serracchiani, i presidenti Rudi Pavšič, SKGZ e Walter Bandelj, SSO e la presidente del Comitato Paritetico Ksenija Dobrila

PROMEMORIA za srečanje med predsednico AD FJK Deboro Serracchiani, predsednikoma Rudijem Pavšičem, SKGZ, in Walterjem Bandljem, SSO, ter predsednico Paritetnega odbora Ksenijo Dobrila

In un periodo nel quale è in atto un lodevole sforzo da parte del Governo per riorganizzare e riformare lo Stato italiano, sarà probabilmente necessario rafforzare ulteriormente il ruolo della nostra Regione per la sua specialità e le sue peculiarità. In questo contesto andrebbe rivisto anche il ruolo delle minoranze linguistiche qui presenti, riformulando in chiave più avanzata e moderna quello che potremmo definire il laboratorio dì convivenza plurilingue del Friuli Venezia Giulia. Tale rivisitazione andrebbe contestualizzata anche con il nuovo scenario europeo, laddove la nostra Regione si sta finalmente  riappropriando della centralità andata perduta nel 900, secolo nel quale la nostra terra è stata perlopiù  caratterizzata da conflitti e guerre

Ed è in questo contesto che la minoranza linguistica slovena del Friuli Venezia Giulia vuole porsi sempre più come soggetto propulsore sia nel campo culturale che in quello turistico ed economico, a vantaggio di tutto il territorio dell’area transfrontaliera. Non possiamo però negare che a fronte di questa chiara volontà, ci siano ancora delle remore, d’altronde caratteristiche di ogni comunità minoritaria, che andranno quanto prima superate con un più puntuale e regolare confronto tra il governo regionale e i vertici della nostra minoranza.

Proprio per questa volontà e desiderio per un’interazione propositiva riteniamo possa essere utile presentarLe alcune criticità per le quali il governo regionale potrebbe trovare le soluzioni adeguate; si tratta perlopiù di mera attuazione delle norme esistenti in particolare della legge regionale 26/2007, nonchè di quella nazionale 38/2001, come ad esempio l’art. 10 sul bilinguismo visivo (regolato dai decreti del Presidente della Regione), laddove i soggetti attuatori sono anche di competenza regionale (Autovie Venete, Fvg Strade … ). Si segnala inoltre  che si è tutt’ora in attesa della costituzione dell’Ufficio centrale per la lingua slovena, istituito con l’art 4, comma 41 L.R. n.34/2015, il quale dovrebbe assumere il coordinamento delle attività per l’uso pubblico della lingua slovena (art. 8 della legge di tutela), raccordandosi con gli interventi con le UTI, con i comuni perimetrati e in un rapporto sinergico con i concessionari dei servizi pubblici nonché con le pubbliche amministrazioni.

Per ciò che riguarda la piena attuazione della LR 26/2007 va rimarcato che ancora oggi rimane lettera morta l’art. 21 (Fondo regionale per la minoranza linguistica slovena), che dovrebbe sostenere  specifiche attività in particolarmente nel settore dell’istruzione e nel campo della collaborazione interculturale, nonché supportare la fondamentale opera di manutenzione delle sedi culturali.

Rimane poi il nodo molto complicato e complesso dell’attuazione dell’art. 26 – disposizioni in materia elettorale – della legge di tutela 38/2001 (a rappresentanza negli organi elettivi (quali il Consiglio regionale), riguardante l’elezione dei rappresentanti appartenenti alla minoranza linguistica slovena nel Senato della Repubblica e nella Camera dei deputati, sottoposti proprio in questi mesi al processo di riforma del sistema costituzionale ed elettorale, che porterebbe alla quasi certa esclusione del rappresentante sloveno nel consesso nazionale. Questa ipotesi, d’altronde molto reale, rappresenterebbe un duro colpo per la minoranza linguistica slovena in Italia, che rimarebbe per la prima volta dalla costituzione della Repubblica d’Italia senza un proprio rappresentante nel più importante organo elettivo nazionale. Pur considerando che la Costituzione italiana, a differenza di quella slovena e croata, non garantisce un rappresentante parlamentare alle singole minoranze linguistiche nazionali, riteniamo che questo possibile/probabile vulnus non potrà non essere interpretato come elemento di grave disattenzione e sottovalutazione da parte dell’attuale maggioranza nei confronti della minoranza linguistica slovena del Fvg. Tanto più grande sarà il disagio e inevitabili le conseguenze politiche, rispetto a quanto è stato finora stato il pluri decennale connubbio tra le forze di centrosinistra e la nostra minoranza. Riteniamo pertanto che debba essere percorsa ogni possibile via per scongiurare questo pericolo ed in ultima istanza facciamo appello a Lei affinchè sia la coalizione politica che maggiormente ci rappresenta ad assumersi l’onere e l’onore di garantirci il diritto di tribuna ai sensi delle norme di tutela sopracitate. In questo modo a che la nostra regione, il Friuli Venezia Giulia, manterrà quella significativa rappresentanza parlamentare, che la contraddistingue dalla propria nascita.

V času, ko si vladna koalicija na državni ravni močno prizadeva za uvedbo reform, bo verjetno potrebno dodatno utrditi vlogo naše Dežele zaradi njenih posebnosti in značilnosti. V tem okviru bi bilo potrebno proučiti tudi vlogo jezikovnih manjšin, ki so tu prisotne, ter posodobiti "večjezično delavnico" Dežele FJK zlasti v luči nove evropske podobe, kjer si naša Dežela spet prisvaja centralnost, ki jo je bila izgubila v 20. stoletju predvsem zaradi dveh svetovnih vojn in drugih konfliktov.

V tem okviru želi slovenska jezikovna manjšina v FJK postati vodilna sila tako na kulturnem področju kot tudi v turizmu in gospodarstvu, v korist celotnemu čezmenjemu območju. Ne moremo pa zanikati dejstva, da kljub jasnim ciljem in željam, obstajajo še nekateri zadržki, ki so značilni za vsako manjšinsko skupnost. Te zadržke bomo lahko odpravili le z rednim dogovarjanjem med deželno vlado in vodstvom naše manjšine.

Prav zaradi naše želje po propozitivni interakciji smatramo, da je potrebno, da Vam posredujemo nekatera odprta vprašanja in kritičnosti, za katere bi morala deželna vlada poiskati primerne rešitve. Gre predvsem za spoštovanje že obstoječih zakonskih določil, ki jih predvidevata deželni zakon 26/2007 in državni zakon 38/2001, kot npr. 10. člen o vidni dvojezičnosti (vključno z dekreti predsednika Dežele), kjer so subjekti, ki morajo zakon upoštevati, tudi v domeni deželne uprave (Autovie Venete, FVG Strade, idr.) V tem okviru predočamo tudi dejstvo, da na področju javne rabe slovenskega jezika še nadalje pogrešamo ustanovitev Deželnega centralnega urada za slovenski jezik, ki ga predvideva 4. čl, 41. odst. D.Z. št. 34/2015. Dejavnost slednjega bo imela središčno vlogo pri koordinaciji in upravljanju storitev v slovenskem jeziku, v sodelovanju s teritorialnimi zvezami, z dvojezičnimi občinami, s koncesionarji javnih storitev in z drugimi javnimi podjetji.

Kar se tiče deželnega zakona 26/2007 moramo povedati, de je še vedno mrtva točka 21. člen (Deželni sklad za slovensko jezikovno manjšino), ki bi moral podpirati specifične dejavnosti, kot sta izobraževanje, medkulturno sodelovanje, ter omogočati vzdrževanje kulturnih sedežev.

Ostaja še odprto izredno komplicirano vprašanje udejanjenja 26. člena zaščitnega zakona št. 38/01 (glede zastopanosti slovenske narodne skupnosti v izvoljenih organih, kot je Deželni svet FJK),  še zlasti izvolitve predstavnikov slovenske jezikovne manjšine v Senat in Poslansko zbornico, ki sta v zadnjih mesecih obravnavana v okviru ustavne in volilne reforme, ki bo skoraj gotovo izključila prisotnost slovenskega predstavnika v državnem parlamentu. To bi bil izredno hud udarec za slovensko narodno skupnost v Italiji, ki bi po več desetletjih ostala brez svojega predstavnika v najpomembnejšem državnem izvoljenem telesu. Kljub temu, da italijanska ustava (z razliko od slovenske in hrvaške) ne zagotavlja posameznim jezikovnim skupnostim parlamentarca, bomo lahko tak scenarij ocenili kot hud spodrsljaj in podcenjevanje slovenske jezikovne manjšine v deželi FJK s strani sedanje večine. Veliko nelagodje bo imelo neizogibne politične posledice, saj se bo močno ošibila večdesetletna naveza med levosrediskimimi silami in našo manjšino.

Zaradi tega menimo, da je potrebno proučiti vse možnosti, da se to nevarnost prepreči. Nenazadnje računamo na Vašo pomoč, da si koalicija, ki nas v največji meri predstavlja, prevzame odgovornost in čast, da nam zagotovi zastopnika v parlamentu, kot predvideva zgoraj omenjeni zaščitni zakon. V tem primeru bo tudi naša dežela obdržala v parlamentu tisto zastopstvo, ki jo zaznamuje od njenega nastanka.

Trieste-Trst, 23/08/2016